Ente accreditato
Home L'Istituto Regolamenti Regolamento d'istituto Titolo 10 Ingresso ed uscita-Assenze-Ritardi-Uscite anticipate

Art. 72 – Motivi di carattere educativo, funzionale ed organizzativo, impongono l’assunzione e il rigoroso rispetto delle seguenti norme. Gli studenti hanno l’obbligo della continua e proficua presenza alle lezioni e alle varie attività programmate dalla scuola.

Ingresso ed uscita
Gli alunni accedono a scuola alle ore 8,10 al primo suono di campana. Le lezioni hanno inizio puntualmente alle ore 8,15 al secondo suono di campana e proseguono regolarmente nel rispetto dell’orario previsto. Per assicurare l’accoglienza e la vigilanza degli allievi, i docenti sono tenuti a trovarsi in classe alle ore 8,10 (cinque minuti prima dell’inizio delle lezioni) e ad assistere all’uscita degli alunni medesimi. Nella sede associata di S. Piero Patti gli alunni accedono a scuola alle ore 8.25 al primo suono della campana. Le lezioni hanno inizio puntualmente alle ore 8.30. I docenti sono tenuti a trovarsi in classe alle ore 8.25.

Assenze fino a cinque giorni
Devono essere giustificate dal docente della prima ora di lezione del giorno del rientro tramite esclusivamente l’apposito libretto debitamente compilato e firmato nella parte che interessa (giorni di assenza e relativa motivazione) da un genitore o dallo studente maggiorenne, autorizzato dal genitore stesso. Se la motivazione addotta non è ritenuta idonea, l’assenza sarà considerata ingiustificata; devono essere annotate quotidianamente sul registro di classe dal docente della prima ora con la precisazione dell’avvenuta giustificazione al momento del rientro a Scuola. Il tagliando staccato dal libretto deve essere conservato in apposita busta e posto a disposizione della segreteria; devono essere trascritte sul registro delle assenze degli alunni da parte del personale di segreteria o degli operatori scolastici delegati; qualora non fossero giustificate, lo studente è accolto a scuola con riserva e deve provvedere l’indomani a regolarizzare la sua posizione. Se ciò non avvenisse lo studente deve presentarsi, accompagnato dal padre o da chi ne fa le veci, dal Preside, o dal collaboratore del Preside o dai docenti responsabili dei plessi, delegati dal Preside.

Assenze superiori ai 5 giorni (festivi compresi)
Devono essere giustificate sul libretto da un genitore o dallo studente maggiorenne, autorizzato dal genitore stesso; devono essere accompagnate da una certificazione medica; devono essere sottoposte al vaglio del Preside o del collaboratore del Preside o dei docenti delegati dal Preside nei plessi per la riammissione in classe; devono essere annotate sul registro di classe e sul registro delle assenze secondo le modalità sopra descritte.

Assenze collettive
Nel caso di assenze collettive, riguardo alle quali si evidenzia il notevole danno che si arreca all’attività scolastica con le gravi conseguenze che ne derivano sotto l’aspetto formativo e disciplinare, i genitori dovranno attestare di essere a conoscenza di tale assenza.

Ritardi

Non sono ammessi a Scuola gli studenti che per qualsiasi motivo si presentino dopo le 9,15 (9.30 nella sede associata di S. Piero Patti). Deroghe    eccezionali sono possibili solo se richieste al Preside o al collaboratore del Preside o ai docenti responsabili dei plessi; i ritardi, contenuti entro la prima ora di lezione, devono essere giustificati sul libretto da un genitore. Il docente che riammette lo studente, previa autorizzazione del docente delegato in ciascun plesso, deve apporre una R sul nome dell’assente, annotare l’ora di arrivo in classe specificando l’avvenuta giustificazione. Se il ritardo è dovuto ad accertamento medico, è opportuno farsi rilasciare relativa attestazione; lo studente che non giustifichi il ritardo è ammesso in classe con riserva e deve provvedere l’indomani a regolarizzare la sua posizione. Qualora ciò non avvenisse dovrà essere accompagnato dal genitore o da chi ne fa le veci; i ritardi sono annotati quotidianamente su un apposito registro, oltre che sul registro generale delle assenze, dagli operatori addetti; non sono ammessi più di due ritardi nella prima parte dell’anno e non più di  3 nella seconda parte, salvo che, per eccezionali e documentabili motivi (trasporti, maltempo, visite mediche, motivi familiari gravi) che saranno di volta in volta rimessi al giudizio del Preside o dei docenti delegati. Sono considerate giustificate le assenze collettive dovute a manifestazioni  che si configurino come espressione di partecipazione democratica. Sono ingiustificate tutte le altre. Due assenze collettive ingiustificate pregiudicano la partecipazione degli alunni al viaggio di istruzione o alle visite guidate.


Uscite anticipate

Non sono ammesse uscite anticipate se non per motivi di particolare ed urgente necessità. Deroghe eccezionali sono possibili solo se richieste ad inizio di mattinata al Preside, al collaboratore del Preside o ai delegati dei plessi dal genitore dell’alunno o da chi ne fa le veci, che lo verranno a prendere, se minorenne; si può consentire l’uscita del minore con persona diversa dal genitore solo con delega scritta preventivamente depositata in segreteria; se la richiesta d’uscita anticipata è fatta da un maggiorenne, questi deve essere autorizzato anche dal genitore, che avrà firmato ad inizio di anno, in segreteria, una domanda atta a tale scopo; non è possibile lasciare la scuola senza una preventiva richiesta scritta. Le urgenze impreviste (malori, ecc.) saranno vagliate dal personale delegato, che contatterà la famiglia telefonicamente; le uscite anticipate verranno annotate quotidianamente su apposito registro (oltre che su quello generale delle assenze) dal personale addetto; non sono ammesse più di due uscite anticipate nella prima parte dell’anno e non più di tre nella seconda parte salvo che per eccezionali e documentabili motivi da sottoporre al giudizio del Preside, collaboratore del Preside o delegati dei plessi; un eccessivo numero di assenze, ritardi e uscite anticipate sarà valutato dal Consiglio di classe ai fini del risultato conclusivo; in caso di assenza del docente, qualora non fosse possibile assicurare in alcun modo la presenza di supplenti in aula, le classi possono essere sciolte anticipatamente senza preavviso, previo consenso sottoscritto dai genitori all’inizio dell’anno scolastico sul libretto delle giustificazioni; il coordinatore di classe avrà cura di preparare una tabella riassuntiva a scadenza mensile contenente ritardi, assenze  e permessi per il calcolo del monte ore complessivo di assenze per ciascun alunno  (DPR 122/09).